Programma Erasmus+ Call 2016

aero48hg-1tr4
22!
22!

___________

22!
 

Programma Erasmus+ Call 2016 – KA2 Partenariati Strategici tra sole scuole per lo scambio di buone pratiche – Settore Scuola. Codice progetto: 2016-1-FR01-KA2019-024043_4. Titolo: “INCLUSION: Together we make a difference”. Progetto realizzato con il sostegno finanziario dell’Unione Europea.

 

MEETING A BARCELOS dal 13 al 19 novembre 2016

I docenti Giorgio Acciardi e Genovese Maria Francesca hanno partecipato al meeting a Barcelos, Portogallo, nell’ambito del partenariato multilaterale fra scuole, in compagnia degli alunni Caiafa Vincenzo, Maiuri Rossella e Parciante Antonio.

L’incontro ha avuto la durata di cinque giorni, dal 14 al 18 novembre 2016, più due giornate di viaggio il 13 novembre per l’andata e il 19 novembre per il ritorno, presso l’Agrupamento de Escolas de Barcelos (AEB).

Il viaggio si è svolto secondo il programma previsto e le attività programmate sono state svolte nella sede della scuola ospitante. L’accoglienza ricevuta da parte dei docenti, degli studenti e delle famiglie è stata calorosa e coinvolgente fin dal primo approccio, quando siamo stati ricevuti in aeroporto e poi accompagnati davanti la scuola dove i nostri studenti sono stati affidati agli studenti ospitanti con i loro genitori.15094424_1019991168130673_976463074634823405_n

Il meeting è iniziato lunedì 14 novembre con il saluto del Dirigente della scuola Jorge Saleiro e la presentazione di tutte le scuole partner. Successivamente vi è stata una visita guidata della scuola, quindi i lavori sono proseguiti nella stessa giornata e in quelle successive, fino a venerdì alternandosi con attività culturali ed escursioni e visite alle città di Porto e Braga.

Le attività più importanti sono state l’incontro tra i docenti di tutte le cinque scuole nel pomeriggio di lunedì 14 novembre, la partecipazione di tutti gli studenti raggruppati in squadre di nazionalità miste a una serie di giochi sportivi e la presentazione dei video realizzati da tutti i partner il giorno 15 novembre, la progettazione del logo comune da parte degli studenti organizzati in otto gruppi composti da giovani di nazionalità diversa il giorno 17 novembre e la consegna degli attestati il giorno 18 novembre.

 

15205752_666580483511874_1716722325_o

Al termine delle attività gli studenti hanno fatto ritorno presso le famiglie degli studenti ospitanti, mentre i docenti hanno pernottato in albergo e consumato i pasti in diversi ristoranti di Barcelos e dintorni proposti dai locali colleghi.

Il meeting appena trascorso è stata la prima importante tappa delle cinque previste dal Progetto, una presso ciascuna scuola partner. Si è trattato, come prevedibile, di un’esperienza altamente formativa per docenti e studenti. Le occasioni di confronto sono state innumerevoli. In modo particolare, gli studenti hanno vissuto nelle case degli studenti portoghesi, venendo a contatto con stili di vita e abitudini peculiari che, anche nell’epoca della globalizzazione, mantengono le loro specificità e le loro sfumature.

Per tutti i partecipanti le gratificazioni maggiori sono venute, ancora una volta, dalla constatazione che la cooperazione tra i popoli non solo è possibile, ma è auspicabile, perché la conoscenza reciproca riduce le distanze e le diffidenze e fa vedere, invece, quanto i popoli europei, e non solo questi, hanno sempre molto più in comune di quante siano le presunte differenze.

p_20161118_095834

 

EMOZIONI

 

            Se dovessimo descrivere con due parole l’avventura appena conclusa in Portogallo, forse quelle più adatte sarebbero: unforgettable experience. Per noi questo è stato un viaggio ricco di emozioni contrastanti tra di loro, a partire dall’ansia delle prime ore fino ad arrivare alla tristezza della partenza, passando per la felicità e l’entusiasmo, sensazioni che ci hanno accompagnato durante questi sette giorni.

            Abbiamo vissuto delle esperienze formative, come evidenziato dai nostri docenti, e allo stesso tempo divertenti, che hanno superato di gran lunga le nostre aspettative. Le attività svolte e le visite guidate hanno incrementato il nostro bagaglio culturale e linguistico, dovendo interagire sempre in lingua inglese, hanno creato ottimi rapporti tra noi ragazzi del gruppo Erasmus+ e rafforzato quello già esistente tra noi studenti italiani.senza-titolo-1

            Le famiglie ospitanti sono state capaci di metterci a nostro agio in poco tempo; così facendo ci siamo sentiti parte integrante del nucleo familiare. Inoltre, grazie a loro abbiamo avuto l’opportunità di assaporare la cultura portoghese e di conoscere le varie tradizioni del Paese, le quali ci hanno letteralmente stupito. Che dire, un ricordo che custodiremo per sempre nella nostra memoria!

Rossella, Antonio e Vincenzo.

Comments are closed.